Nonostante gli interventi posti in essere, continuano purtroppo i tentativi di truffa relativi alla richiesta di somme di denaro da versare per ottenere l’accesso a selezioni finalizzate all’assunzione in Poste Italiane.

L’Azienda ha inviato, in coerenza con le disposizioni di legge, una segnalazione alla società di trasferimento di denaro on line, al Service Provider ed al Search Engine utilizzati dai truffatori.

E’ stata inoltre presentata una denuncia-querela alle autorità competenti.

Ribadiamo che le attività di recruiting e selezione vengono gestite dall’Azienda attraverso le proprie strutture ed anche qualora si ricorra a società di selezione specializzate, i candidati vengono assunti solo previa valutazione da parte delle competenti funzioni aziendali e, in nessun caso, vengono richieste somme di denaro.